Lettera aperta a Vasco Rossi. [AR]

Caro Vasco,

 

sono Antonio Ruggiero, blogger ma soprattutto tuo fan da sempre. Complimenti per questa tua svolta social e perdona il fatto che ti dia del tu, ma sono cresciuto con te e non riesco proprio a vederti come un estraneo cui si debbano finte moine. E' molto bello quando un artista immenso come te decide di sfruttare i mezzi di comunicazione moderni per avvicinarsi ai suoi fan e per comunicare pensieri ed idee che vanno anche al di là della sua professione, nel tuo caso la musica, e che in caso contrario non potrebbero arrivare mai completamente.

Vorrei capire però, perchè i tuoi discorsi che toccano argomenti politici si basino su forti inesattezze. Perchè, caro Vasco, alimenti le bugie classiche della nostra società come l'alternanza politica, il bipolarismo, l'importanza del voto e quant'altro? Non sai tu, forse, che il nostro Governo è una copertura composta da burattini che fanno finta di prendere decisioni e che invece altro non fanno che eseguire ordini che vengono dall'alto? E' importante sottolineare che il mio discorso è ambivalente e quando parlo di Governo non intendo destra o sinistra perchè se diamo per scontato che il nostro Parlamento sia una finzione, è ovvio che di qualsiasi colore esso si vesta il discorso non cambia, sempre un manipolo di burattini rimane.

La manovra finanziaria tanto discussa in questo periodo è un esempio lampante di quel che sto provando a dire: i nostri politici non hanno fatto altro che mettere in atto quel che è stato dettato da persone estranee al nostro Paese.

Credo sia inutile continuare perchè sono sicuro che un uomo come te sia ben a conoscenza della verità e allora spero con tutto me stesso che tu possa continuare ad essere vicino ai tuoi fan, me in testa, aprendo loro gli occhi su quel che è davvero il mondo e su chi davvero lo comanda.

 

Grazie per l'attenzione e grazie per tutto quel che ci hai dato e continuerai a dare, grazie davvero!

 

Antonio Ruggiero

Scrivi commento

Commenti: 4