Vittorio Arrigoni è stato ucciso. [AR]

Ci tengo a sottolinearlo a priori: l'incazzatura è alta e chi non sopporta toni reali, preferendo il politichese corretto, non prosegua nella lettura dell'articolo e vada a leggere Repubblica. Ieri, abbiamo ricevuto questa gelida notizia: Vittorio Arrigoni, giornalista pacifista trentaseienne della provincia di Lecco, partito volontario per portare pace ed aiuto nella striscia di Gaza, è stato rapito da un commando ultra-estremista salafita vicino ad Al Qaeda, quel che è, sempre scimmie sono. In un video terribile e ridicolmente tragicomico, Vittorio appariva bendato ed insanguinato, tenuto per i capelli da una scimmia che minacciava di ucciderlo entro 30 ore se il governo di Hamas non avesse liberato dei detenuti salafiti; La solita guerra di banane tra scimmie insomma. ...(continua)

...(segue) Questa mattina, invece, ci svegliamo con un'altra notizia, che non gela il sangue no, lo ribolle: il limite di 30 ore non è stato rispettato (sanno come si misura il tempo?) e Vittorio è stato ritrovato morto, strangolato con una violenza animalescha che quasi gli strappava via la testa dal collo. Non parliamo proprio delle reazioni del nostro governo perchè non meritano rilievo...

 

Antonio Ruggiero

Scrivi commento

Commenti: 0