Petizione contro Berlusconi [AR]

Poco tempo or sono, ahimè, il Presidente del Consiglio dei Ministri in Italia, e Re indiscusso e bellissimo e fortissimo della Repubblica indipendente delle banane, Cavalier-Immortal Don Silvio Berlusconi, ha improvvisamente capito, dopo due anni, che un partito dovrebb'avere come nome una sola parola e non un acronimo. Questo perchè, da tycoon d'aziende navigato, sa bene come funzionano i subdoli meccanismi della pubblicità e della vendita e quindi ha subito deciso che l'acronimo del suo partito, PDL, doveva essere cambiato per ottenere più voti. Ha subito comprato i più grandi pubblicitari dell'universo e gli ha chiesto di trovare una parola che potesse attirare il maggior numero di consensi possibili. Varie indiscrezioni, sempre più ufficiosamente confermate, hanno portato la stampa a indovinare che il prodotto delle mercenarie menti dei pubblicitari fosse: ITALIA. Il partito di Berlusconi sarebbe così il partito dell'Italia. Scherzi a parte questa è una cosa inaccettabile ed assolutamente insopportabile perchè la nostra Italia, l'Italia vera, non è quella che rappresenta Silvio Berlusconi, non è quella che ospita i leader internazionali per feste a base di prostituzione, non è quella dello pseudo-neo-fascismo, semplicemente non è la sua. ... (continua)

Come noi la pensa "liberacittadinanza" che ha dato vita ad una petizione che si propone esattamente di fermare questa ingiustizia ed ennesimo atto di tirannica prepotenza, nonchè di mostruoso egocentrismo. Ecco l'appello ufficiale:

 

"Circola informalmente la notizia che il partito di Berlusconi cambi di nuovo nome. E’ ovvio che questo semplice atto non lo farà diventare migliore o più credibile. Per quel che ci riguarda può chiamarlo come gli pare, ma non certo “ITALIA“!

Berlusconi ha insultato e umiliato davanti al mondo intero e in ogni modo possibile l’onorabilità del nostro Paese e delle sue istituzioni , ma l’appropriazione indebita del nome della nostra nazione, “Italia”, è per molti Italiani, e noi siamo fra questi, un’oltraggiosa offesa, che non gli permetteremo. Non gli lasceremo usare come fosse “cosa sua” il nome di un Paese che ha dimostrato di non saper rispettare.


ORA BASTA!!!


Per questo ci appelliamo alle istituzioni, ai partiti democratici, alle associazioni Partigiane e a quelle contro le Mafie e, soprattutto, a tutti i cittadini, perché si attivino in modo che quest’ennesimo atto di prepotenza venga respinto con fermezza. Berlusconi non farà l’ennesimo lifting alla sua immagine sulla pelle degli italiani.

 

FIRMIAMO… FIRMIAMO… FIRMIAMO"

 

FIRMA LA PETIZIONE!

 

Antonio Ruggiero

Scrivi commento

Commenti: 0