Fastidiosa perchè italiana [AR]

Lucia Massarotto
Lucia Massarotto

Far sventolare un tricolore italiano fuori di un'abitazione italiana: un gesto intoccabile, inalienabile, inviolabile e assolutamente meraviglioso! La storia di Lucia Massarotto, 51 anni di Cortina d'Ampezzo, lascia senza parole. Trasferitasi dalla provincia di Belluno a Venezia, la sua colpa, fu quella d'aver trovato casa in Riva Sette Martiri, dove, ogni anno, si "festeggiano" tra loro gli schifosi leghisti per la gloria di non-si-sà-ancora-bene-che-cosa-e-nemmeno-vogliamo-saperlo. Probabilmente inorridita (e chi la biasima?), la buon Lucia, aveva pensato bene di sollevare una bandiera italiana per distinguere la sua abitazione dalla melma circondariale. Ahimè, quella bandiera attirò gli sguardi da film sugli zombie dei lagunari verdi (sì, proprio il colore della melma) e per questo motivo, dopo lunghe lotte, Lucia Massarotto ha ricevuto ordine di sfratto. Avete letto bene: dopo 25 anni, Lucia deve prendere i suoi due figli e lasciare la sua casa per la "legge della padania", per aver esposto la bandiera italiana. Già in tempi non sospetti, durante una setta leghista, fu proprio il merdone-capo Bossi a notare i colori ed urlare a Lucia "Il tricolore lo metta nel cesso" ma questo non bastò e dopo aver aumentato l'affito di ulteriori 300€, Lucia, che vive del suo solo reddito, è oggi costretta ad andar via. Ora la domanda è sempre la stessa: come può uno che vuol mettere il tricolore nel cesso governare l'Italia? Ed a questa ora si aggiunge: è normale che una cittadina italiana debba cambiare zona per aver esposto una bandiera italiana in Italia? In virtù di fondatore del progetto ...resto quì... ribadisco che questo sito è aperto a tutti ma soprattutto alle risposte delle istituzioni che se non arrivano, spingeranno gli italiani veri a far pulizia autonomamente.

 

Antonio Ruggiero

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    stronie (mercoledì, 23 novembre 2016 19:25)

    billionth

  • #2

    wróżki na telefon (lunedì, 05 dicembre 2016 12:34)

    nieumniejszenie